Logo
Stanzinofree

Football VM - 1

In occasione della Quarta Edizione del Memorial dedicato a mio padre(Plinio -[Memorial Middei Plinio]("www.memorialmiddeiplinio.com")) ho lavorando ad un nuovo progetto che mira a creare una piattaforma in grado di mantenere aggiornati i risultati di un torneo di calcio (ma potrebbe essere qualsiasi altro sport) e poi aggiornare un blog wordpress che ne curi l'esposizione sul web.

Ero indeciso all'inizio se creare un applicazione desktop seguendo gli ottimi tutorial di [Mission Python]("http://parliamodi-ubuntu.blogspot.it/p/lindice-di-mission-python.html") ma alla fine ho rimandato il mio approccio a wxPython e deciso di utilizzare quello che per ora so usare meglio. La base di sviluppo sarà quindi una macchina virtuale locale con CentOS 6.3 minimal, Python, SQLite, Cherrypy, HTML5, CSS3 e Jquery.

Il perchè delle scelte

La macchina virtuale

Avendo scartato le librerie wx e ripiegato sulla scelta web-application dovevo trovare un modo per rendere il tutto portabile, metterlo su un server in cloud mi espone a troppi rischi per via del modulo di login ancora non perfetto e per via dell'intero codice scritto a manina da me quindi molto probabilmente bacato. Quindi gioco forza una macchina virtuale mi assicura la leggerezza(i pacchetti installati saranno il minimo indispensabile), portabilità (alla fine è un file da copiare, forse pesantino ma sempre un singolo file) e non mi espone a buchi di sicurezza sul web.

Python

Un linguaggio di programmazione oltre che di scripting fenomenale, me ne sono innamorato dal lontano 2002 quando ero all'università, anche se solo ora sto iniziando ad usarlo in maniera continua.

Cherrypy

Ci sono moltissimi framework per Python ma devo dire che cherrypy mi è sembrato da subito il più rapido per sviluppare e anche se un pò vecchiotto sempre efficace.

HTML5, CSS3, Jquery

Un must, il web passa da loro ed è impensabile scrivere un'applicazione web senza di loro :)

SQLite

Diciamo che non sono un amante dei database relazionali (di solito preferisco i db nosql come Redis ndr.) e scegliere MySQL(o MariaDB) mi avrebbe fatto perdere un pochino di tempo a installare il tutto, disegnare il db etc. etc. oltre che fornirmi milioni di utilità che non uso e quindi per praticità ho optato per un db standalone, leggero e performante come SQLite.

Nei prossimi post inizieremo a vedere come configurare la macchina virtuale, quali pacchetti mettere e le librerie da usare, e mano a mano anche il codice sorgente :D